conoscere nuove persone per essere più felici

conoscere nuove persone

Conoscere nuove persone è fondamentale per vivere sempre più integrati nella società attuale. Conoscere nuove persone è una cosa naturale, cioè consona alla natura umana. Infatti siamo costitutivamente fatti per aprirci agli altri ed andare incontro al prossimo. L’essere umano è naturalmente socievole è ha bisogno di conoscere nuove persone per andare incontro a quel profondo bisogno di realizzare rapporti interpersonali veri con gli altri. Infatti la persona umana non può essere soddisfatta dal consumismo e dai beni materiali. Oggi la società è basata sulla produzione e sul consumo di beni materiali. Molte volte i beni materiali sono presentati alla gente come l’antidoto alla tristezza o come la ricetta per avere una vita realizzata e di successo. Conoscere nuove persone realizzando profondi rapporti di amicizia con gli altri aiuta sicuramente le persone ad essere più felici e realizzate. Comprare beni materiali in modo crescente credendo che essi possano colmare il profondo bisogno di amore e di relazioni profonde che ogni persona possiede è sicuramente sbagliato. Ovviamente tutti abbiamo bisogno di beni materiali per vivere decorosamente. Però i beni materiali non possono avere la funzione che hanno i rapporti umani. I beni materiali risultano freddi, inanimati e non possono colmare il bisogno di dare e di ricevere amore che ogni persona porta nel profondo del cuore. Conoscere nuove persone vuol dire allargare la propria rete di amicizie e di relazioni ma non in modo superficiale. Conoscere non vuol dire incontrare. Conoscere vuol dire incontrare per, appunto, conoscere meglio la persona incontrata e realizzare un legame non superficiale con essa. Gli amici si conoscono. Due fidanzati si conoscono. Marito e moglie si conoscono. Il verbo conoscere indica approfondimento. Anche nella Bibbia conoscere vuol dire approfondire il rapporto. Nella Bibbia il significato del verbo conoscere non vuol dire una conoscenza solo intellettuale ma che coinvolge tutta la persona e la sua azione. Conoscere nuove persone è l’antidoto per vivere meglio e in modo più umano in una società dove spesso i rapporti fra le persone sono troppo superficiali. Oggi la vita spesso è frenetica e anche se incontriamo molte persone, spesso, non ne conosciamo nessuna. Conoscere nuove persone va incontro alla necessità della natura umana che non vuole  l’isolamento. Infatti gli esseri umani formano naturalmente le famiglie, i gruppi e le società rispondendo al bisogno di instaurare relazioni vere e profonde con gli altri. Conoscere nuove persone aiuta veramente le persone ad essere più realizzate. Conoscere nuove persone dovrebbe essere una filosofia di vita che porta a rifiutare il consumismo esasperato e i rapporti umani frettolosi. Questa filosofia di vita risponde ai bisogni più profondi della natura umana e di conseguenza porta chi la segue ad una vita vita più umana e serena.

Pierpaolo Paolini

FacebookTwitterGoogle+

conoscere nuove persone e differenze culturali

conoscere nuove persone

Conoscere nuove persone fa parte del processo di integrazione che deve esserci in ogni sistema sociale. Conoscere nuove persone è fondamentale per realizzare una società dove c’è integrazione e i conflitti vengono ridotti al minimo. Infatti non è possibile eliminare totalmente la conflittualità sociale perché è un elemento fisiologico di ogni società o comunità umana. Però nello stesso tempo non è possibile permettere che tale conflittualità raggiunga livelli troppo elevati pena la disintegrazione della società stessa. Conoscere nuove persone fa parte del processo attraverso il quale una società diventa sempre più coesa ed integrata. Ovviamente tale conoscenza deve avere determinate caratteristiche per essere utile. Conoscere nuove persone è l’antidoto contro il razzismo e contro ogni discriminazione. Conoscere nuove persone vuol dire incontrare il diverso, lo sconosciuto, lo straniero, colui che ha una cultura molto diversa dalla nostra. Questo incontro deve, appunto, produrre una conoscenza reciproca. Tale conoscenza deve avvenire nel rispetto reciproco ed è tesa a costruire una certa unità che prima non c’era. Infatti molte volte può capitare di avere paura dello straniero o più in generale di colui che, magari per cultura, è diverso da noi solo perché non lo conosciamo. Di fronte a ciò che non conosciamo può essere naturale una certa diffidenza. Questo perché non sappiamo cosa o chi abbiamo di fronte. Conoscere nuove persone vuol dire andare incontro a coloro che sono “nuovi” per noi e cercare di fare una conoscenza reciproca nel pieno rispetto di ogni cultura e di ogni religione. Se nessuno fa questo, in un sistema sociale non ci sarà un’adeguata integrazione fra le persone e fra le varie componenti culturali esistenti. Si potranno, allora, facilmente formare delle “isole”, dei gruppi sociali impermeabili al resto del sistema sociale. Questo indica una società non ben integrata dove la coesione sociale è debole. Il rimedio a tutto questo è conoscere nuove persone, cioè aprirsi al prossimo vincendo il muro di paura e diffidenza che c’è. Conoscere nuove persone produce una maggiore integrazione nella società anche a livello di classe sociale. Oggi non si può più guardare la società formata da classi sociali come un secolo fa. Però è sempre vero che non tutti occupano la stessa posizione sociale e spesso nasce il conflitto fra le varie parti. Ovviamente una certa dialettica sociale è fisiologica e fa anche crescere la società e i gruppi sociali. Però anche in questo caso il conflitto non deve superare certi livelli altrimenti diventa dannoso per tutti. Conoscere nuove persone vuol dire anche cercare di conoscere meglio la posizione sociale degli altri gruppi non per conoscere il loro punto debole e fargli meglio la guerra, ma per cercare punti comuni, per cercare di trovare delle soluzioni condivise ai problemi, per capire che tutto sommato siamo sulla stessa “barca” ( il sistema sociale ) e dobbiamo aiutarci a vicenda perché la guerra porta alla povertà e all’odio mentre la solidarietà e la collaborazione possono portare solo al progresso e ad una maggiore coesione sociale. Conoscere nuove persone è fondamentale per combattere ogni discriminazione. Conoscere nuove persone è una parola chiave molto importante per costruire una società coesa, sempre più integrata e basata sulla solidarietà e sul rispetto reciproco.

Pierpaolo Paolini

FacebookTwitterGoogle+

conoscere nuove persone online e nuove amicizie

conoscere nuove persone online

Nella società occidentale attuale è facile incontrare nuove persone. Infatti, ogni giorno, ognuno di noi molto facilmente incontra altre persone. Però spesso questi incontri non vengono approfonditi e la conoscenza rimane a livello superficiale. I motivi di questa superficialità sono diversi. Ovviamente non è possibile approfondire ogni incontro. Anzi, certi incontri non possono essere sviluppati fino ad arrivare ad un buon livello di conoscenza reciproca. Però molte volte la causa del fatto che i rapporti non vengono approfonditi risiede nell’egoismo e nella diffidenza che può esserci nei confronti del prossimo magari perché la sua cultura è diversa.

conoscere nuove persone online ed empatia

Anche sul web si riflette spesso la stessa situazione. Conoscere nuove persone online è un modo per fare nuove amicizie sul web che in un secondo momento possono realizzarsi pienamente al di fuori della “rete”. Anche sul web esistono differenze culturali e l’egoismo. Conoscere nuove persone online vuol dire non solamente raggiungere una conoscenza a livello intellettivo dell’interlocutore, ma avere una certa empatia nei suoi confronti e coinvolgere la propria persona, magari, aiutandolo. Pensiamo che l’empatia possa esistere anche sul web e che i messaggi scambiati online non abbiamo sempre e solamente un mero contenuto informativo. Anche sul web, soprattutto nei siti di incontro, è possibile incontrare molte persone ma, anche qui , molte volte nessuno degli interlocutori vuole coinvolgere la propria persona e la propria vita. Conoscere nuove persone, in generale, vuol dire avere un approccio nei confronti del prossimo più amichevole e attento alle difficoltà di chi incontriamo.

conoscere nuove persone online ed egoismo

Spesso, però, nella società dei consumi in cui viviamo anche i rapporti interpersonali sono ridotti alla stregua di prodotti da consumare. Questo si riflette sul web ed è un motivo per cui a volte è difficile conoscere nuove persone online. Nella nostra società troppe volte l’egoismo inquina i rapporti interpersonali. Le persone spesso cercano nel prossimo non una persona da amare e con la quale realizzare un rapporto di amicizia vero e duraturo. Troppe volte le persone si cercano per formare dei rapporti basati su un’utilità comune: una volta che l’interesse comune scompare finisce anche il rapporto. Il web è uno specchio della società “reale”. Infatti è difficile conoscere nuove persone online proprio a causa dell’indifferenza e dell’egoismo che spesso dominano anche sul web. Inoltre nella società odierna spesso le persone vengono valutate non in quanto portatrici di una dignità infinita ma in base alla loro capacità di produrre ricchezza. In questo modo le persone più deboli e bisognose possono essere emarginate. Conoscere nuove persone online non è facile anche a causa di questo atteggiamento. Ogni persona, infatti, porta i suoi pregi e i suoi difetti online quando decide di navigare sul web. Bisognerebbe fare uno sforzo maggiore per conoscere nuove persone online e anche al di fuori del web. Infatti solamente costruendo nuove amicizie e rapporti veri e duraturi è possibile realizzare in pieno e costruire la propria persona. Ognuno di noi desidera rapporti duraturi e profondi, non incontri che non lasciano nulla e che non contribuiscono alla nostra crescita spirituale e sociale. Però, l’unica via per realizzare questi profondi desideri che albergano nel cuore di ogni persona, è quello di mettersi in gioco e conoscere nuove persone online e nel mondo “reale”.

conoscere nuove persone online e differenze culturali

Conoscere nuove persone online vuol dire cercare di coltivare il valore dell’amicizia anche sul web. In questo modo anche il mondo “virtuale” può diventare più umano e meno legato agli atteggiamenti egoistici che troppo spesso guidano i comportamenti delle persone. Le differenze culturali non devono essere considerate una barriera. Spesso la diffidenza che non permette la conoscenza reciproca nasce dalle differenze culturali. Queste devono essere viste come una ricchezza e non come una barriera che impedisce la comunicazione. Conoscere nuove persone online, o nel mondo “reale,”vuol dire dialogare con coloro che hanno una cultura diversa per arrivare non solo ad una maggiore conoscenza reciproca a livello intellettivo ma anche a sviluppare rapporti di vera amicizia. Il web si diffonde sempre di più e acquista una crescente influenza sulle persone e sulla società intera. Conoscere nuove persone online nel senso forte e positivo del termine vuol dire costruire una società più bella e più umana dove i muri vengono abbattuti e, al loro posto, vengono costruiti dei ponti. Chiaramente tutto questo non può essere realizzato se quando incontriamo una persona che ha una cultura differente dalla nostra scartiamo a priori la possibilità di costruire con essa un rapporto di amicizia. In questo modo ci saranno solo incontri e non conoscenza reciproca. La società sarà meno integrata e la conflittualità maggiore. Bisogna fare uno sforzo e superare la diffidenza e la paura. Conoscere nuove persone online e al di fuori del web è l’antidoto alla violenza. Conoscere nuove persone online può rendere il web più umano e tutta la società migliore e più integrata.

Pierpaolo Paolini

FacebookTwitterGoogle+

blog per conoscere nuove persone e incontri online

blog per conoscere nuove persone

Internet è sempre più diffuso e coloro che lo utilizzano aumentano continuamente di numero nel mondo. Una platea così larga e sempre più variegata di persone richiede spesso che i siti sul web si specializzino per soddisfare i desideri di un determinato target di persone. I blog per conoscere nuove persone sono particolari e hanno un loro preciso obiettivo e una specializzazione tutta particolare. I blog per conoscere nuove persone prima di tutto non sono delle chat o dei forum ma, come dice il nome, dei blog. Di conseguenza ne devono avere tutte le caratteristiche. In secondo luogo essi hanno l’obiettivo dichiarato di favorire l’incontro e la conoscenza fra le persone online. Su questi due punti che caratterizzano i blog per conoscere nuove persone c’è molto da dire. Coloro che navigano su internet vogliono trovare quello che cercano e questi blog devono essere pronti ad accogliere in modo soddisfacente i loro visitatori.

blog per conoscere nuove persone e contenuti

I blog per conoscere nuove persone dovrebbero essere ricchi di contenuti freschi, originali ed interessanti. Infatti ci si aspetta che un blog abbia degli articoli, rinnovati frequentemente, su determinate tematiche. Gli articoli sono molto importanti perché permettono non solo di approfondire certi temi legati alla natura del blog ma favoriscono anche l’interazione fra le persone che lo visitano. Infatti i visitatori dei blog per conoscere nuove persone possono lasciare una risposta sotto gli articoli presenti interagendo, in questo modo, con gli altri visitatori e con lo staff del sito. Anche questo facilita la conoscenza di altre persone. Infatti l’obiettivo di questi blog deve proprio essere questo. I blog per conoscere nuove persone dovrebbero avere articoli ed informazioni riguardanti l’amicizia e le relazioni fra le persone. Sappiamo bene che l’amicizia è un valore molto alto e gli amici veri non hanno un rapporto superficiale ma profondo.

blog per conoscere nuove persone, incontri e relazioni profonde

Esiste una differenza fra l’incontrare nuove persone e il conoscere nuove persone. Il verbo incontrare ha un significato molto diverso dal verbo conoscere soprattutto per la cultura biblica ma anche per quella occidentale. I blog per conoscere nuove persone dovrebbero aiutare anche a capire questa importante differenza. Incontrare nuove persone non vuol dire avere con esse un rapporto profondo e duraturo. Infatti durante una qualunque giornata molti incontrano molte persone ma la maggior parte di questi incontri è superficiale. Conoscere, invece, denota un approfondimento del rapporto che è avvenuto con l’incontro. Nel mondo occidentale conoscere ha un significato soprattutto di tipo intellettuale. Quando conosciamo una nuova persona vuol dire che abbiamo molte informazioni su di lei. Nel mondo biblico, invece, conoscere è qualcosa che coinvolge a livello non solo intellettuale ma anche esperienziale tutta la persona. Tutta la persona può essere coinvolta nel processo conoscitivo. Il significato biblico di questo termine è molto più profondo del significato dato dal mondo occidentale. I blog per conoscere nuove persone dovrebbero approfondire tale tematica perché è importante e riguarda i loro visitatori. Anche nel mondo occidentale il verbo incontrare ha un significato diverso dal verbo conoscere.

blog per conoscere nuove persone: amicizie e incontri online

Però tutto parte sempre da un incontro che, oggi, può avvenire anche online. I blog per conoscere nuove persone non solo devono favorire gli incontri e le amicizie online ma devono seguire con articoli ed informazioni adeguate i loro visitatori per aiutarli a realizzare il desiderio che alberga nel cuore di molti di loro di costruire, attraverso il web, relazioni profonde ed amicizie vere e durature. Questo può avvenire anche grazie ai blog per conoscere nuove persone. Infatti dopo una prima conoscenza online le persone possono decidere di approfondire la conoscenza al di fuori del web. Molte amicizie e relazioni durature e profonde sono state costruite per mezzo del web e dei blog per conoscere nuove persone. Infatti internet è un mezzo molto potente per mettere in contatto le persone tra di loro e, dopo i primi contatti online, tutto può essere approfondito incontrandosi al di fuori della “rete”. Come detto, comunque, i blog per conoscere nuove persone dovrebbero assistere, consigliare e seguire i propri visitatori proprio per aiutarli a trovare la persona desiderata. La struttura di un blog è molto adatta allo scopo, del resto. I blog per conoscere nuove persone sono frequentati da persone che non hanno tutte la stessa intenzione. Infatti c’è chi vuole fare nuove amicizie online, chi vuole approfondire temi legati all’amicizia e alle relazioni interpersonali e chi vuole trovare l’anima gemella per iniziare un cammino di coppia. I blog per conoscere nuove persone sono adatti per aiutare a fare diventare veri tutti questi desideri. La cosa più importante è che essi non perdano il contatto con i propri visitatori ma li seguano nei loro desideri aiutandoli a realizzarli. Quando questi blog sono integrati ad un sito di incontri il tutto, ovviamente, diventa più facile. I blog per conoscere nuove persone devono essere tesi ad aiutare le persone a realizzare il profondo bisogno di comunicare e di costruire amicizie e relazioni vere ed importanti. Infatti questi desideri albergano nel profondo del cuore di ogni persona e devono poter essere soddisfatti per avere una vita più serena, piena e realizzata.

Pierpaolo Paolini

FacebookTwitterGoogle+

ragazze cattoliche e cammino spirituale.

Le ragazze cattoliche nella Chiesa

Dobbiamo immaginare la Chiesa pellegrinante come un corpo composto da ogni battezzato il cui capo è Cristo. Questa definizione è stata data da San Paolo apostolo. Le ragazze cattoliche sono inserite in questo corpo, intimamente collegate a tutte le altre membra cioè a tutti i battezzati. Anche le ragazze cattoliche ricevono la grazia, la linfa spirituale dal Capo che è Cristo. Infatti senza il Capo questo mistico corpo non potrebbe esistere e non avrebbe vita. Anche San Giovanni Evangelista, nel suo vangelo, afferma che se i tralci non sono uniti alla vite, muoiono. I tralci sono i fedeli battezzati che devono stare uniti alla vite, al Capo, altrimenti non possono avere la vita e muoiono. Le ragazze cattoliche, come tutti gli altri fedeli, vivono immerse in questa realtà spirituale e ne devono tenere conto se vogliono progredire spiritualmente. Un’altra cosa interessante è che ogni cosa buona fatta da un membro di questo corpo mistico ridonda positivamente su tutti gli altri membri, mentre ogni cosa cattiva ( il peccato ) ha effetti negativi su tutto il corpo mistico. Ovviamente tali effetti non toccano il Capo del corpo ma gli altri membri che lo compongono. Questo per dire che esiste una profonda comunione e interazione fra i battezzati che aumenta, ovviamente, la responsabilità di ognuno. Le ragazze cattoliche quindi non sono mai sole e questo è un fatto molto bello e positivo.

ragazze cattoliche e società

Infatti le ragazze cattoliche vivono diverse realtà: oggi la società è complessa e non è facile trovare lo stato di vita giusto. La società con i suoi messaggi edonistici e consumistici spesso non riesce ad essere luce per le ragazze cattoliche. Il cammino spirituale è pieno di insidie di vario tipo. Bisogna sempre stare in guardia per non sbagliare e per non cadere nelle trappole del male. Tutte le ragazze cattoliche, ma in special modo quelle che vivono da sole, si trovano davanti il pericolo e la tentazione dell’isolamento. Questo pericolo è facilitato anche dalla società di oggi che è molto dinamica, facilita gli incontri tra le persone ma d’altra parte facilita anche un certo isolamento. Questo perché esiste una buona dose di individualismo che non promuove la formazione di relazioni profonde fra le persone. Le ragazze cattoliche devono fare un cammino ben inserite nella propria parrocchia, in un gruppo o movimento ecclesiale. Il cammino spirituale spesso è difficile e l’aiuto e il sostegno degli altri compagni di viaggio è sicuramente molto prezioso.

ragazze cattoliche, incontri cattolici e amicizia

Le ragazze cattoliche devono, più di altri, cercare di avere incontri cattolici e di intrecciare vere amicizie cattoliche. Tutte devono avere l’aiuto di una comunità o di un gruppo di riferimento per progredire più speditamente e in modo più sicuro nel cammino spirituale. L’essere umano è fatto per vivere con gli altri e ha bisogno di relazioni di amicizia profonde. Un buon amico è un sicuro confidente e può dare consigli efficaci e disinteressati. Un buon amico ci ricorda quotidianamente anche nella preghiera: questo è un punto fondamentale perché, come abbiamo già accennato sopra, senza l’aiuto di Cristo non possiamo fare progressi spirituali. Oggi la società non aiuta a trovare un buon amico perché i rapporti spesso sono troppo superficiali e il valore dell’amicizia e sottovalutato. Le ragazze cattoliche devono cercare di realizzare e costruire veri rapporti di amicizia. L’amicizia è molto importante per il progresso spirituale e per avere una vita piena e felice. Non bisogna rassegnarsi a vivere senza amici. Inoltre da un rapporto di amicizia può nascere anche un rapporto di coppia teso alla formazione di una famiglia.

Le ragazze cattoliche devono pregare quotidianamente e cercare di incontrare Gesù molto spesso nell’Eucaristia. Anche le ragazze cattoliche devono cercare di rispondere positivamente a quel fondamentale compito che tutti i fedeli hanno: progredire spiritualmente camminando insieme verso la salvezza eterna. Un buon cammino spirituale insieme agli altri aiuta, inoltre, a trovare l’anima gemella o lo stato di vita adatto.

Pierpaolo Paolini

FacebookTwitterGoogle+

conoscere nuove persone per realizzare rapporti profondi

conoscere nuove persone e incontri

Conoscere nuove persone è un’attività molto importante per ogni essere umano. Infatti conoscere nuove persone vuol dire andare incontro al bisogno di entrare in contatto con il prossimo che ogni persona possiede. Conoscere nuove persone vuol dire essere disponibili nei confronti delle persone che incontriamo e cercare di aiutarle nelle loro necessità. Infatti conoscere nuove persone è una cosa diversa dall’incontrare nuove persone. Il verbo conoscere ha un significato molto profondo e non superficiale. Nella Bibbia, per esempio, il verbo conoscere è riservato anche agli sposi che attraverso l’unione intima realizzano una comunione profonda e si conoscono. Maria, quando l’Angelo gli annuncia che sarà la Madre di Dio risponde affermando “non conosco uomo”. Conoscere nuove persone vuol dire, appunto, venire a conoscenza di tante cose riguardanti la loro vita e, di conseguenza, realizzare un rapporto sempre più profondo. Ovviamente per realizzare una relazione non superficiale ma profonda ci vogliono anche altri ingredienti, però la conoscenza è fondamentale. L’incontro è indispensabile ma se non c’è la conoscenza allora tutto rimane a livello superficiale.

conoscere nuove persone e amicizia

Conoscere nuove persone vuol dire approfondire determinati incontri che sono accaduti nella nostra vita. Oggi la vita è spesso frenetica è possiamo anche avere la possibilità di incontrare molte persone. Però se una persona suscita il nostro interesse e vogliamo, per esempio, cercare di fare nascere un rapporto di amicizia, cerchiamo di conoscerla meglio. Gli amici infatti si conoscono bene. Non può esistere un rapporto di amicizia fra due persone se queste non si conoscono. Conoscere nuove persone, quindi, vuol dire anche cercare di avere nuovi amici e nuovi rapporti di amicizia. L’amicizia è un rapporto molto importante. L’amicizia, se vera, non è mai superficiale ma è un rapporto sempre profondo. Gli amici si conoscono, si stimano, si aiutano reciprocamente nelle difficoltà. Conoscere nuove persone può arricchire la nostra vita di relazione e procurarci nuovi amici. Non sempre è possibile conoscere nuove persone. Infatti, come detto, la conoscenza va al di là dell’incontro e non è possibile approfondirla se non c’è reciprocità. Una relazione importante o un rapporto di amicizia può nascere e svilupparsi solo se ci si conosce sempre di più. Però questo deve essere reciproco e, ovviamente, non possiamo costringere le altre persone ad instaurare un rapporto di amicizia con noi. La conoscenza deve essere anche discreta per non allontanare o spaventare colui o colei che abbiamo incontrato. Da un incontro può sempre nascere una relazione profonda o un bel rapporto di amicizia, però la conoscenza deve essere reciproca, graduale e rispettosa. Conoscere nuove persone non vuol dire minare la privacy degli altri. Anzi la conoscenza deve essere discreta e ciò che ci viene confidato è bene non andare a raccontarlo a tutti. Infatti esiste anche il dovere di tutelare le confidenze che ci vengono fatte. Conoscere nuove persone deve portare ad avere una vita sociale più ricca e soddisfacente e realizzare sempre di più il profondo desiderio che ogni persona possiede di instaurare profondi rapporti di affetto con gli altri. Tutto questo deve avere alla base sempre la sincerità, la discrezione e la lealtà. Queste sono virtù che devono essere sempre presenti quando vogliamo conoscere nuove persone. Se vogliamo costruire un rapporto bello, profondo e duraturo con un’altra persona non dobbiamo mai tradire la fiducia che egli ha nei nostri confronti. Anche la generosità è una virtù importante. Infatti non possiamo pretendere di conoscere nuove persone per instaurare un rapporto profondo e duraturo con esse se siamo egoisti e non siamo disposti ad andare incontro alle necessità di chi abbiamo di fronte. Questo a volte richiede anche sacrificio. Però sicuramente vale la pena sacrificare qualcosa per realizzare un bel rapporto di amicizia o di affetto.

Pierpaolo Paolini

FacebookTwitterGoogle+

conoscere nuove persone. Significato e approfondimenti.

conoscere nuove persone nella società odierna

Conoscere nuove persone è sempre una cosa positiva perché aiuta ad allargare la propria rete di relazioni ed interazioni a livello sociale. Conoscere nuove persone risponde al quel profondo bisogno radicato nel cuore di ogni persona di aprirsi agli altri e realizzare la propria personalità. Infatti nessuno basta a sé stesso e non è possibile essere felici senza avere la possibilità di conoscere nuove persone. Infatti ogni persona ha il profondo desiderio di comunicare qualcosa di bello e positivo agli altri e nello stesso tempo sente la necessità di ricevere qualcosa per diventare migliore e per avvicinarsi sempre di più alla felicità. IL bisogno di conoscere nuove persone e di allargare la propria rete di contatti sociali risponde al desiderio di felicità che ogni persona cerca di soddisfare continuamente. Infatti ogni essere umano cerca la felicità in ogni cosa che fa e che vuole. Il desiderio di felicità è il motore che muove le scelte fondamentali che ognuno di noi compie quotidianamente. Tutte le scelte, anche quelle che poi si rivelano sbagliate, quando vengono fatte vogliono essere una risposta a tale profondo desiderio radicato nel cuore di ogni persona. Conoscere nuove persone è una cosa naturale perché l’essere umano è socievole e ha bisogno di aprirsi agli altri e di fare nuove amicizie.

conoscere nuove persone e rapporti interpersonali

I rapporti e le relazioni affettive forti e profonde sono quelle che possono appagare maggiormente il desiderio di felicità che alberga nel cuore di ogni persona. L’essere umano non è fatto per avere contatti fugaci oppure relazioni superficiali. Certamente anche questi rapporti permettono di conoscere nuove persone però non possono appagare la sete di felicità. Ovviamente chi cerca relazioni brevi e fugaci stà in realtà cercando la felicità. Crede di poterla trovare in questi rapporti superficiali e, di conseguenza, li cerca. Però, crediamo che queste relazioni brevi e superficiali ( siano esse rapporti di amicizia o altri tipi di rapporto ) non possano appagare il bisogno di relazioni affettive profonde ( e di conseguenza il desiderio di felicità ) che ogni persona possiede. Conoscere nuove persone è sempre bello e importante. Infatti è solo entrando in contatto con gli altri che poi, in un secondo momento, possiamo decidere con chi vogliamo approfondire la conoscenza che è nata. Oggi, nella società odierna, conoscere nuove persone non è difficile ma spesso non porta a rapporti interpersonali profondi e appaganti. Questo può avvenire perché la società di oggi è estremamente dinamica e, di conseguenza, spesso i contatti sono superficiali. Conoscere nuove persone in grande quantità spesso non è utile per realizzare la propria persona se tali conoscenze rimangono superficiali. Anche l’egoismo può essere un ostacolo. Infatti spesso conoscere nuove persone non è difficile, poi però ci accorgiamo che l’egoismo inquina il rapporto che è nato. Se l’egoismo prende il sopravvento non è possibile costruire una relazione di amicizia o di altro tipo che sia appagante per entrambi. Infatti l’appagamento a livello affettivo e, di conseguenza, la felicità non possono essere minimamente trovate in una relazione dominata dall’egoismo. Ogni persona ha bisogno di ricevere e di donare amore. Solo così è possibile avvicinarsi sempre di più alla felicità che è ciò che muove ogni scelta e decisione. Conoscere nuove persone è fondamentale perché altrimenti non è possibile realizzare la natura socievole della persona umana. Però la relazione o rapporto di amicizia che nasce deve poi essere basato sulla lealtà, sulla sincerità e sull’altruismo. A volte può capitare di conoscere nuove persone che non danno nulla ma chiedono solamente. Un rapporto di questo tipo è destinato a naufragare presto e giustamente. Infatti è solo una relazione egoistica e distorta che non merita di vivere perché velenosa per entrambe le parti. Infatti chi subisce l’egoismo prova amarezza, ma chi è egoista non solo non realizza la propria persona ma regredisce umanamente e spiritualmente. Conoscere nuove persone è naturale e fondamentale per realizzarsi pienamente a livello umano e spirituale. Però ci vuole sempre una buona dose di discernimento per capire se colui o colei che abbiamo incontrato intende costruire un rapporto serio e profondo basato sull’altruismo oppure no.

Pierpaolo Paolini

FacebookTwitterGoogle+

corpo mistico di cristo, consumismo e seduzione

Il corpo mistico di Cristo

Il Corpo mistico di Cristo è la Chiesa. Infatti così San Paolo apostolo chiama e descrive la Chiesa fondata da Cristo. Nella Chiesa intesa come Corpo mistico di Cristo tutte le membra sono unite fra di loro con un legame intimo e forte. San Paolo descrive la Chiesa come un corpo dove ogni parte ha il suo compito che deve svolgere per il bene di tutte le altre membra. Se un membro sta male anche tutti gli altri soffrono, se un membro sta bene anche gli altri ne avranno beneficio. Infatti se un membro del Corpo mistico di Cristo commette un peccato, anche tutti gli altri ne avranno un danno; al contrario se un membro fa un atto di virtù, anche gli altri sentiranno un beneficio. Fra le membra del Corpo mistico di Cristo c’è una grande solidarietà. La Chiesa pellegrinante costituita dai battezzati sulla terra, la Chiesa celeste formata dai beati del Paradiso e i defunti in comunione con Dio che sono in purgatorio formano questa Chiesa, questo mistico corpo. Il Capo del Corpo è Cristo. San Paolo afferma: “Poiché come in un solo corpo abbiamo molte membra e queste membra non hanno tutte la medesima funzione, così anche noi, pur essendo molti, siamo un solo corpo in Cristo e ciascuno per la sua parte siamo membra gli uni degli altri” ( Rm, 12-4-5 ). La dottrina di San Paolo in merito è molto chiara. Nello spazio breve di questo articolo non vogliamo approfondire ancora tale dottrina ma solo sottolineare la grande comunione esistente fra le membra della Chiesa. Questa comunione deve essere realizzata da rapporti sottolineati dalla carità.

Corpo mistico di Cristo, egoismo e consumismo

Ci chiediamo se la cultura dominante consumistica odierna aiuta o no a costruire la Chiesa come comunione fra le sue membra. Sicuramente la forza della Chiesa deriva dal suo fondatore, Cristo Gesù. Infatti vediamo che quando la Chiesa è nata, è stata sottoposta a tantissime e violente persecuzioni. Pensiamo solo al fatto che il fondatore, Gesù, è stato ucciso ( poi, ovviamente è risorto e questo è il fulcro di tutta la nostra speranza ). Per quanto riguarda gli apostoli, la quasi totalità di essi sono stati martirizzati. La Chiesa non era ricca e non poteva distribuire né promettere potere o danaro ai suoi seguaci. Chi voleva seguire Cristo rischiava il martirio. Eppure in questa situazione così difficile la Chiesa di Cristo appena nata, sotto la spinta del soffio dello Spirito Santo, si è espansa grandemente. Nella società occidentale di oggi non esiste più la persecuzione violenta dei cristiani. Però c’è un altro modo, forse non meno efficace, per distogliere i cristiani dal seguire Cristo: la seduzione. Infatti i cristiani appartengono al Corpo mistico di Cristo e ricevono la grazia per progredire spiritualmente solo se stanno ben uniti a Gesù. La mentalità consumistica invece vuole fare credere alle persone che saranno più felici se compreranno di più. Tale mentalità è nell’aria e spesso è difficile prendere coscienza del fatto che vi siamo immersi. Certamente le persone hanno bisogno anche di beni materiali però questi non devono togliere spazio a Dio. Quando preferiamo comprare l’ennesima cosa molto costosa solo per noi stessi disinteressandoci del povero che ci sta accanto, allora non possiamo essere felici e Dio non può essere contento di questo comportamento. L’egoismo fa sempre male, è un veleno. L’egoismo all’interno del corpo mistico di Cristo inquina i rapporti fra le membra della Chiesa e non permette la costruzione della comunione al suo interno. Le cose non possono riempire il cuore dell’uomo. Infatti il cuore dell’uomo è fatto per accogliere l’Infinito. Sì, Dio ci ha creati con la capacità di accoglierlo dentro di noi. Siamo liberi e possiamo scegliere. Abbiamo detto che è difficile a volte accorgersi della seduzione perpetrata dalla società consumistica. Però, con l’aiuto di Dio dobbiamo prenderne coscienza e fare la nostra scelta. Nessuna cosa può prendere il posto di Dio. Se accogliamo la Trinità nel nostro cuore allora potremo costruire in modo efficace la comunione nel corpo mistico di Cristo. Siamo fatti non per l’egoismo ma per l’amore. La comunione nel corpo mistico di Cristo si costruisce solo con rapporti sottolineati dalla carità e dal perdono. Dio è amore. Ogni membro del corpo mistico di Cristo deve essere un riflesso dell’amore e della misericordia di Dio. In questo modo potrà cambiare anche la società diventando sempre più orientata a Dio e all’amore contro l’egoismo che lede la dignità infinita di ogni persona umana.

Pierpaolo Paolini

FacebookTwitterGoogle+

relativismo etico e il rapporto fra libertà e verità

Il relativismo etico sostiene che non esistono verità assolute o che, se anche esistessero, non sono conoscibili oppure lo sono soltanto parzialmente ( cioè “relativamente” ).  Il relativismo etico non è secondo la dottrina morale della Chiesa cattolica. Il relativismo etico getta incertezza su quei valori morali in cui la Chiesa crede fermamente. Si deve instaurare un dialogo rispettoso fra le varie parti per fare dei progressi: infatti non è con le guerre e alzando barricate e muri che coloro che sostengono il relativismo etico e i cattolici possono avvicinarsi. Ognuno è libero di affermare la propria idea od opinione e anche la Chiesa e i cattolici hanno il diritto di esprimere il loro pensiero senza essere attaccati violentemente. Qui parliamo del relativismo etico perché è un tema di attualità. Tratteremo del relativismo etico prendendo in considerazione la lettera enciclica “Veritatis Splendor” di Giovanni paolo II.

Il relativismo etico e il legame fra libertà e verità sono in rapporto fra di loro. La lettera enciclica Veritatis Splendor di Giovanni Paolo II parla diffusamente dell’importanza del legame fra libertà e verità e, di conseguenza, del relativismo etico. Il primo capitolo dell’enciclica afferma che Cristo è la persona da seguire affinché l’uomo si realizzi pienamente. Gesù stesso è la Legge vivente e quindi la vita morale deve diventare sequela Christi, quindi un’imitazione della sua vita, un donarsi ai fratelli e a tutti sino al sacrificio estremo se necessario: ” la contemporaneità di Cristo, l’uomo di ogni tempo, si realizza nel suo corpo che è la Chiesa…in tal modo la Chiesa, nella sua vita e nel suo insegnamento, si presenta come “colonna e sostegno della verità”( 1 tm 3,15), anche della verità circa l’agire morale”( Veritatis Splendor nn. 25 e 27 ). Giovanni Paolo II afferma chiaramente che per la Chiesa non può esserci spazio per il relativismo etico.

Il secondo capitolo della Veritatis Splendor è dominato dall’intento di “aiutare l’uomo nel suo cammino verso la verità e la libertà”( Veritatis Splendor n.27). Il secondo capitolo dell’enciclica in questione parla del rapporto fra libertà e verità. La libertà e la verità hanno un legame che non deve essere spezzato perché soltanto seguendo la verità l’uomo può essere libero. Non si può rivendicare la libertà al di fuori e contro la verità perché questo porta al relativismo etico ed ha delle conseguenze negative. La prima conseguenza negativa è relativa alla legge naturale che viene rifiutata perché la libertà stessa diventa sorgente dei valori; la legge naturale può essere falsata perché viene vista in modo riduttivo, come una legge biologica; la legge naturale può essere anche deformata perché non viene più vista essere compatibile con l’unicità e l’irripetibilità della persona umana ( legge universale ) e con la sua storia ( legge immutabile ). Il relativismo etico sorge quando si mette in discussione il legame fra libertà e verità.

Il secondo problema che viene causato dallo spezzare il legame tra la verità e la libertà è relativo alla coscienza. Erroneamente  la coscienza infatti viene vista come fonte di decisioni morali e concrete. Infatti la realtà è molto complessa e, di conseguenza, la coscienza non può essere normata da una legge universalmente valida per tutti. Giovanni Paolo II afferma che la coscienza è ” giudizio della ragione pratica”perché è chiamata ad applicare la legge universale, quindi le esigenze che rispondono al vero bene dell’uomo nella propria situazione. L’applicazione della legge da parte della coscienza avviene nel personale dialogo con Dio e anche nella consapevolezza che la coscienza può errare e conseguentemente deve essere continuamente formata. Il relativismo etico dipende anche da un concetto di coscienza che la considera come fonte dei valori. Infatti anche questo va a scindere il legame fra libertà e verità.

L’ultimo ambito riguarda l’atto morale, ovvero l’atto ordinabile a Dio. Quindi riguarda l’atto che realizza la persona e la sua autentica felicità. Certamente sono importanti le circostanze dell’azione e anche le conseguenze dell’agire concreto ma, Giovanni Paolo II, afferma che esistono atti che, per la loro struttura intima, non possono essere ordinati a Dio e contraddicono il vero bene della persona. Questi sono gli atti ” intrinsecamente cattivi”. Anche questo argomento è interessante in rapporto al relativismo etico. Tali atti sono così chiamati perché sono cattivi oggettivamente. Infatti la loro moralità è decisa dal loro oggetto, prescindendo dalle circostanze e dall’intenzione. Qualunque siano le circostanze e qualunque sia l’intenzione, questi atti, per il loro oggetto, non possono essere ordinati a Dio. Di conseguenza sono atti che non possono essere mai attuati. Le norme negative li proibiscono in modo assoluto, semper et pro semper senza alcuna eccezione . Ma tutto questo è contraddetto, continua Giovanni paolo II, dalle teorie etiche “teleologiche.”

Il relativismo etico è un tema che viene affrontato nella Veritatis Splendor. Infatti viene spiegato il legame inscindibile fra libertà e verità. Bisogna riflettere serenamente ma in modo approfondito e rigoroso sul relativismo etico perché è un tema di grande attualità. Il tema del relativismo etico deve essere affrontato coraggiosamente e dialogando con tutti. Il dialogo è la via per spiegare sempre meglio la dottrina della Chiesa in modo che possa essere sempre più liberamente accolta dalle persone.

Pierpaolo Paolini

FacebookTwitterGoogle+