single cristiani, amore trinitario e dialogo

I single cristiani occupano un posto particolare e di assoluta rilevanza nella società e nella Chiesa cattolica.  I single cristiani sono chiamati a realizzare la loro specifica vocazione seguendo Cristo ( infatti qui li chiamiamo proprio “cristiani” ) in un modo speciale, diverso da coloro che hanno fatto altre scelte di vita.

Single cristiani e vocazione ad amare

Comunque, i single cristiani condividono con gli altri battezzati e con tutte le persone la fondamentale vocazione ad amare. Ognuno di noi ha il profondo bisogno di amare ed essere amato. L’essere umano ha più bisogno di amore che di qualunque altra cosa. Infatti le cose non possono riempire il cuore dell’uomo: solo l’amore può realizzare una persona e renderla felice. I single cristiani, ovviamente, non differiscono dalle altre persone e condividono la stessa vocazione e chiamata all’amore. I single cristiani potranno realizzare tale vocazione mettendosi in relazione con il prossimo e aprendosi agli altri, soprattutto ai più bisognosi. Molte volte la migliore medicina per ritrovare la serenità interiore non è comprarsi qualcosa di nuovo, ma donare qualcosa a chi è più sfortunato di noi.

single cristiani e comunità ecclesiale

I single cristiani dovrebbero cercare di essere inseriti in una comunità ecclesiale dove poter fare un adeguato cammino spirituale. I single cristiani devono amare, e per amare bisogna costruire la comunione con gli altri. La Chiesa è mistero di comunione. I single cristiani devono vivere inseriti in essa costruendo la comunione con gli altri fratelli di fede e con Dio. I single cristiani dovranno aprirsi anche a coloro che hanno modi di pensare e religioni diverse: infatti l’amore non può avere né confini né barriere. L’amore è prima di tutto rispetto. Rispetto della dignità e della libertà delle altre persone. I single cristiani possono portare il vangelo in luoghi dove altri non possono arrivare. Però, i single cristiani, dovranno testimoniare la bellezza del vangelo di Cristo con amore rispettando la libertà di tutti. L’imposizione non è amore. I single cristiani sono liberi da particolari legami e devono cercare di raggiungere quei posti nella società più lontani dal messaggio evangelico per proporlo con il buon esempio e con il dialogo. I single cristiani, per testimoniare adeguatamente la bellezza del vangelo, prima di tutto lo devono vivere realmente. Nessuno è perfetto e anche i single cristiani possono avere dei cedimenti. La cosa più importante è la tensione verso un rapporto con Cristo sempre più bello e intenso che deve trasparire anche nei più comuni atti quotidiani. I single cristiani devono tenere presente che  non è la grandezza dell’azione i sé che conta ma l’amore con cui la si compie. Quello che conta è l’intensità dell’amore.I single cristiani devono vivere l’amore intensamente.

single cristiani e amore trinitario

I single cristiani, vivendo inseriti nella Chiesa che è mistero di comunione, dovranno realizzare relazioni ed interazioni belle, positive e costruttive che siano un riflesso del’amore che c’è nella Santissima Trinità. Dio è uno ma in tre persone uguali e distinte. Vi è un’ unica natura o essenza che sussiste in tre persone divine, il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo. Il Figlio è generato dal Padre e lo Spirito Santo procede dal Padre e dal Figlio come da un unico Principio. Lo Spirito Santo è l’amore che viene generato nel cuore della Trinità e fa parte di essa. I single cristiani devono rendere la loro vita ricca di relazioni fondate sull’amore ed essere efficaci testimoni dell’amore trinitario. I single cristiani devono curare in modo speciale le amicizie cattoliche e tutti gli incontri che fanno nella Chiesa e nella società col fine di essere testimoni dell’amore di Dio e della Chiesa in quanto mistero di comunione. Il fatto che i single cristiani spesso vivano da soli non deve essere una scusa per indebolire la loro testimonianza. Anzi, i single cristiani devono avere una vita sociale ed ecclesiale ricca di relazioni fondate sulla carità per essere efficaci costruttori di comunione. Il dialogo, rispettoso di ogni diversità e della libertà di tutti, deve essere una delle “armi” principali per fare conoscere a tutti il vangelo della pace e per costruire nella Chiesa una comunione sempre più solida e profonda. I single cristiani per realizzare tutto questo devono diventare sempre di più amici di Cristo incontrandolo anche quotidianamente nell’Eucaristia dove egli è realmente presente. I single cristiani, così, avranno la luce e la forza per realizzare sempre di più l’amore e la comunione nella società e nella Chiesa. Solo in questo modo i single cristiani potranno realizzare la loro fondamentale vocazione che è quella di donare amore.

single cristiani, combattimento spirituale e virtù

Il combattimento spirituale è una realtà che i single cristiani non possono evitare. Infatti per aumentare gli habitus virtuosi il combattimento è necessario. Quando il cammino spirituale inizia, solitamente, c’è una condizione di pace e tranquillità spirituale. Però questa condizione per i single cristiani non durerà a lungo. Infatti essi devono raggiungere la patria celeste e il cammino non può che avere delle difficoltà. Infatti i single cristiani sono sempre liberi di decidere se seguire Cristo oppure no. Dio non obbliga nessuno e vuole essere seguito non per forza ma per amore. Allora la lotta spirituale è indispensabile anche per mettere in gioco la libertà che i single cristiani possiedono. Infatti se non ci fosse la lotta e la tentazione i single cristiani deciderebbero facilmente per Dio ed egli non potrebbe vedere la forza dell’amore con cui viene fatta la scelta per lui. L’amore vero costa, altrimenti non possiamo chiamarlo amore. Anche Gesù sulla croce ha sofferto ed è morto per amore. I single cristiani devono ogni giorno mettersi alla sequela di Gesù con amore senza guardare o misurare quanto costa seguirlo. Coloro che lo hanno amato di più sono i martiri che hanno dato la vita fino allo spargimento di sangue per amore di Dio. Il terreno più proficuo per fare crescere le virtù acquisite sono proprio i momenti di difficoltà. I single cristiani non si devono mai scoraggiare perché è proprio nella prova e nella difficoltà che essi possono dimostrare il loro vero e puro amore per Dio. Molte sono le virtù che i single cristiani devono utilizzare nella prova. Però la virtù della fortezza è quella che solitamente viene più sollecitata. Infatti la pazienza, la costanza, la perseveranza e il coraggio per fronteggiare la paura e il dolore fanno parte della virtù della fortezza. I single cristiani devono chiedere incessantemente a Dio il dono della fortezza per non cedere di fronte a difficoltà che possono essere anche prolungate e per avere il coraggio di andare avanti, di scegliere e di non fermarsi mai anche quando la paura vorrebbe bloccare ogni azione. La preghiera è il momento propizio per chiedere tali virtù e il dono della fortezza. I single cristiani non devono mai tralasciare la preghiera perché senza l’aiuto di Dio essi non possono fare nulla di buono, spiritualmente parlando. I single cristiani dovranno in modo particolare cercare di aumentare la propria amicizia con Cristo soprattutto attraverso il sacramento dell’Eucaristia. In tale sacramento Cristo è realmente presente e darà luce e forza ai single cristiani in difficoltà. Anche il ricorso a Maria Santissima è fondamentale. Essa è la Madre di Dio ma è anche la mamma dei single cristiani che con essa non hanno nulla da temere. Maria li avvolgerà con il suo mantello fino a quando il temporale spirituale non sarà passato proteggendoli e consolandoli. I rosario è la preghiera che più di tutte le altre può avvicinare i single cristiani a Maria che è la loro mamma onnipotente per grazia. I single cristiani, dunque, sono invitati a recitare frequentemente il santo rosario, non solo nei momenti di difficoltà. Maria aiuterà efficacemente e dolcemente tutti i single cristiani a crescere nella virtù e a diventare sempre di più amici di Cristo. La Sacra Scrittura, poi, è la Parola di Dio per ogni persona e per i single cristiani. Anche la meditazione della Sacra Scrittura e, in special modo, del vangelo devono diventare atti d’amore quotidiani per tutti i single cristiani che, in questo modo, saranno ben equipaggiati per affrontare e vincere ogni difficoltà e lotta spirituale.

Pierpaolo Paolini

FacebookTwitterGoogle+

single cattolici praticanti e comunione nella Chiesa

i single cattolici praticanti

Single cattolici praticanti e costruzione della comunione nella Chiesa sono correlati. Proviamo a dare una definizione. Chi sono i single cattolici praticanti ? Essi sono quei cattolici che sono single, cioè non sono sposati, non sono religiosi ( cioè monaci, frati…) né hanno preso il sacerdozio ministeriale. Inoltre i single cattolici praticanti non hanno neanche la fidanzata. In più essi sono “praticanti”. Quest’ultimo è un elemento di grande importanza. Infatti essere praticanti non vuol dire, come oggi molti credono, avere la fede ed andare regolarmente a messa la domenica e in tutte le altre feste e solennità di precetto. Certamente questo è un punto saliente e fondamentale che deve essere trovato nella vita dei single cattolici praticanti. Però essere praticanti ha un significato molto più ampio e profondo. In realtà essere praticanti vuol dire credere e mettere in pratica ciò in cui si crede. Il precetto di andare alla santa messa durante le domeniche e gli altri giorni comandati riguarda solo una parte del terzo comandamento. Per essere single cattolici praticanti non basta seguire una parte di uno dei dieci comandamenti. Scriviamo questo per affermare che l’essere praticanti non può essere legato solo alla frequentazione della santa messa di precetto.

 single cattolici praticanti e la sequela di Cristo

Abbiamo parlato di comandamenti. In realtà essere cristiani vuol dire seguire una persona, Cristo. I single cattolici praticanti potranno essere considerati tali solo se osserveranno i dieci comandamenti per amore. I single cattolici praticanti, per essere chiamati tali, devono interiorizzare la legge di Dio e metterla in pratica non facendo un esercizio di puro legalismo ma per amore. Gesù non ha abolito la legge antica però l’ha completata portandola a compimento. I single cattolici praticanti sono chiamati a seguire una persona, Gesù. Essi sono chiamati ad amare. Solo in questo modo possono rispondere efficacemente alla volontà di Dio che li ha creati per amare ed essere amati. Ecco, allora, che i single cattolici praticanti pur vivendo da soli saranno inseriti in modo vivo e reale nel Corpo mistico di Cristo. Infatti è solo costruendo profonde relazioni interpersonali che è possibile donare e ricevere amore costruendo la comunione nella Chiesa. I single cattolici praticanti sono chiamati proprio a questo. Essi non si devono isolare ma devono mettersi ogni giorno alla sequela di Cristo costruendo la comunione nella Chiesa. Essi sono chiamati ad annunciare Cristo e a dare agli altri la testimonianza della loro esperienza di Cristo. I single cattolici praticanti, in quanto membra del Corpo mistico di Cristo, sono chiamati a spendere la propria vita per Cristo amando tutti i fratelli che incontrano lungo il cammino. Essi non devono pensare in continuazione ai comandamenti ( che ovviamente devono cercare di rispettare ) ma devono concentrarsi sulla persona di Gesù così come ci viene presentata dai vangeli. Essi devono cercare di imitare Gesù nelle loro azioni e nelle scelte di vita che devono fare. I single cattolici praticanti, in questo modo, saranno sempre di più amici di Cristo e avranno luce e forza anche per trovare l’anima gemella se questo è nel disegno di Dio.

single cattolici praticanti e vita ecclesiale

I single cattolici praticanti sono pienamente inseriti nel Corpo mistico di Cristo. I single cattolici praticanti devono essere membra vive del Corpo mistico. Essi occupano un posto rilevante e particolare nella Chiesa: anche da loro dipende la sua costruzione. Possiamo distinguere due tipi di single cattolici praticanti: coloro che vogliono rimanere tali e coloro che, invece, sono alla ricerca dell’anima gemella o comunque dello stato di vita che più gli corrisponde. I single cattolici praticanti, comunque, hanno tutti dei punti in comune riguardanti la loro vita ecclesiale e la loro vita spirituale. San Pietro apostolo, il primo papa, afferma che la Chiesa è formata da pietre vive. Anche i single cattolici praticanti devono essere pietre vive per l’edificazione della Chiesa. Infatti il primo impegno che essi devono compiere è proprio quello di contribuire alla costruzione della Chiesa in quanto mistero di comunione. I single cattolici praticanti spesso vivono da soli ma questa non può essere una scusa per essere esentati dal difficile lavoro della costruzione della comunione nella Chiesa. I single cattolici praticanti, anzi, devono cercare di evitare la tentazione all’isolamento spirituale e sociale. Infatti essi, più di altri, possono avere questa tentazione ma devono combatterla perché va contro la loro natura che è quella di avere una vita piena di positive relazioni sia a livello sociale che ecclesiale. Infatti i single cattolici praticanti, in quanto esseri umani, sono naturalmente socievoli e possono realizzarsi soltanto mettendosi in relazione con gli altri. Inoltre, essi, in quanto membra del Corpo mistico di Cristo, sono intimamente legati da un rapporto di amore e solidarietà con tutte le altre membra di questo mistico corpo. I single cattolici praticanti, nonostante siano single, non sono fatti per vivere isolati. Essi condividono con tutti gli altri esseri umani la fondamentale vocazione ad amare. I single cattolici praticanti non possono realizzarsi né sentirsi felici se non amano e si ripiegano egoisticamente su sé stessi. Ovviamente, essi, possono realizzare la vocazione all’amore solo mettendosi in relazione con gli altri. Questo è sempre valido, sia a livello sociale che ecclesiale. I single cattolici praticanti devono essere nella Chiesa e nella società testimoni dell’amore di Dio. Dio è amore. Questa è la definizione di Dio che dà San Giovanni evangelista. I single cattolici praticanti dovranno avere una vita ricca di relazioni ed interazioni costruttive e positive sia a livello sociale che ecclesiale. I single cattolici praticanti sono chiamati a costruire ogni giorno la Chiesa in quanto mistero di comunione. Non è possibile costruire la comunione senza aprirsi al prossimo e alle sue necessità. o vivendo isolatamente e in modo egoistico. Costruire la comunione vuol dire edificare la civiltà dell’amore. Costruire la comunione vuol dire edificare la Chiesa che ha l’amore nel suo codice genetico. I single cattolici praticanti infatti devono sempre tenere presente che la Chiesa è stata fondata da Dio che è amore. Essi sono stati inseriti col battesimo nella Chiesa e devono edificarla ogni giorno costruendo rapporti interpersonali sottolineati dalla carità e dal perdono. I single cattolici praticanti devono essere in prima linea nel costruire ponti ed abbattere muri. Essi troveranno la forza per realizzare tale nobile e difficile compito diventando sempre di più amici di Cristo. I single cattolici praticanti se vorranno essere credibili dovranno imitare Gesù mettendosi ogni giorno alla sue sequela. Essi troveranno la forza nell’Eucaristia dove egli è realmente presente.

Pierpaolo Paolini

FacebookTwitterGoogle+

cattolici single nella Chiesa mistero di comunione

I cattolici single appartengono alla Chiesa in quanto sono stati inseriti in essa con il sacramento del battesimo. I cattolici single occupano un posto particolare nella società e nella Chiesa. I cattolici single possono essere tali per scelta oppure solo momentaneamente in quanto stanno cercando lo stato di vita più adatto. In ogni caso la vita dei cattolici single ha sempre dei punti in comune. I cattolici single spesso vivono da soli. Non vivendo in una famiglia o in una comunità devono cercare all’esterno quella rete di relazioni che gli permette di realizzarsi. Infatti i cattolici single condividono con ogni persona la fondamentale vocazione ad amare. Dio ha creato ogni persona con il profondo bisogno di donare e di ricevere amore. Ogni persona può trovare la felicità e la realizzazione di sé stessa solo andando incontro alla vocazione all’amore che ha ricevuto da Dio. I cattolici single dovranno cercare di realizzare tale vocazione in un modo particolare, adatto a loro. Il fatto che essi vivano spesso da soli non li esenta dall’importante compito di relazionarsi con gli altri. I cattolici single devono costruire ponti e abbattere muri sia a livello sociale che ecclesiale. I cattolici single possono avere la tentazione di isolarsi. Infatti dopo una lunga giornata di lavoro spesso la stanchezza prende il sopravvento e la voglia di incontrare qualcuno non c’è. Può essere più difficile vivere una vita ricca di relazioni per chi, come i cattolici single, vive da solo.

I cattolici single devono costruire la comunione

I cattolici single devono reagire e cercare di avere una vita ricca di interessanti e costruttive relazioni. Infatti è solo aprendosi agli altri che diventa possibile dare e ricevere amore. I cattolici single fanno parte della Chiesa. La Chiesa è mistero di comunione e i suoi membri devono costruirla ogni giorno. Anche i cattolici single sono chiamati a costruire la comunione nella Chiesa. Per costruire la comunione bisogna amare. I cattolici single costruiranno la comunione solo se si impegneranno ad avere una fitta rete di relazioni con gli altri membri della Chiesa. Ma questo non basta. Infatti i cattolici single devono costruire rapporti sottolineati dalla carità. Carità significa amore. San Giovanni evangelista afferma che Dio è amore. Infatti il Padre ha dato il suo unico figlio in sacrificio di espiazione per tutta l’umanità. Il Padre ha amato l’umanità quando essa era ancora contro di lui a causa del peccato. L’amore di Dio è infinito e nessuna persona può comprendere in pieno l’infinito. I cattolici single sono chiamati a costruire la comunione nella Chiesa donando amore ad imitazione del Padre. I cattolici single devono costruire la comunione nella Chiesa realizzando incontri dove la dimensione della carità e del perdono non devono mai mancare. Dove c’è la carità, c’è anche il perdono. Nessuno è perfetto e il perdono è necessario per costruire la comunione nella Chiesa. I cattolici single realizzeranno la vocazione ad amare se, aprendosi agli altri, saranno pronti a perdonare ad imitazione del Padre che ha perdonato il peccato dell’umanità. Solo in questo modo i cattolici single saranno costruttori di comunione nella Chiesa realizzando la fondamentale vocazione che Dio gli ha dato. I cattolici single troveranno la forza di fare comunione con gli altri solo diventando ogni giorno di più amici di Cristo. La comunione e l’amicizia con Cristo deve essere il punto dal quale i cattolici single possono partire per amare e per dare efficacemente il loro contributo alla costruzione della comunione nella Chiesa.

Pierpaolo Paolini

FacebookTwitterGoogle+

single cattolici e odierna atmosfera culturale

i single cattolici, come tutti, sono immersi in una determinata cultura. Qui prendiamo in considerazione la cultura occidentale di oggi. Il rapporto fra i single cattolici e la cultura attuale è importante. Infatti  essi occupano una posizione nella società che gli permette di entrare in contatto con persone che più difficilmente possono essere raggiunte da altre categorie di persone. Inoltre lo status di single non deve essere il prodotto di una scelta egoistica. I single cattolici sono immersi in una cultura dove l’individualismo e l’egoismo spesso indirizzano le scelte delle persone.

single cattolici e consumismo

La cultura occidentale contemporanea è anche chiamata “società dei consumi”. Il consumo  è troppo spesso al centro della società attuale. I single cattolici devono contrastare quella cultura che vede nel consumo sempre più elevato di beni materiali la felicità dell’uomo. I single cattolici sono molto preziosi per la Chiesa e per la società. Essi, però, per realizzare la loro vocazione devono essere testimoni di un altro modo di vivere. Il consumismo può portare lontani da Dio dando troppa importanza ai beni materiali. Ovviamente è un bene che esistano aziende che producono, la pubblicità che propone i prodotti delle aziende e, infine, coloro che li comprano. Però in tutto questo ci deve essere equilibrio. I cattolici single, come detto sopra, possono raggiungere quelle parti della società che altri possono solo molto difficilmente avvicinare. Infatti ogni status dà una determinata collocazione a livello sociale ed ecclesiale. I single cattolici sono spesso liberi da legami particolari e si possono muovere in modo più rapido, possono essere più eclettici di altri. Questo è un talento che va sfruttato. I single cattolici devono essere nella società attuale profeti di una cultura dove al centro non c’è il consumo di beni materiali ma Dio. Non dobbiamo avere paura di Dio. Infatti se mettiamo Cristo al centro della società, anche le persone saranno più rispettate e valorizzate. Questo perché ogni persona è stata creata ad immagine e somiglianza di Dio e da questo fatto gli deriva una dignità infinita. I single cattolici devono, con il dialogo e con un atteggiamento rispettoso di tutti e di tutte le opinioni, lottare affinché Dio occupi il centro della società affinché ( poiché ogni persona è amata infinitamente da Dio), sia rispettata l’ infinita dignità di ogni persona. Mettere Dio al centro della società non vuol dire mettere la teocrazia al posto della democrazia. Il regime democratico deve essere rafforzato. Il problema è l’atmosfera culturale in cui le persone sono immerse. Infatti molte volte vengono lanciati dei messaggi che dicono o fanno capire che la felicità è legata al consumo di beni materiali. Questi messaggi spesso entrano nella mente delle persone quasi seducendole. Questa atmosfera culturale è forte perché avvolge tutta la società. Non è l’unica forza della società, però questa atmosfera seduttiva agisce in modo efficace.

single cattolici e amore

I cattolici single devono portare a tutti quelli che incontrano la testimonianza della loro vita con Cristo. Essi devono testimoniare con la loro vita e con le loro scelte che la felicità della persona umana non dipende dal consumo di beni materiali: devono dire al mondo che il bisogno fondamentale di ogni persona è l’amore. Infatti siamo stati creati con il profondo ed insopprimibile bisogno di amare ed essere amati. Solo l’amore e profonde relazioni di affetto possono portare alla felicità. Le cose materiali possono dare una gioia temporanea ed artificiale ma non possono colmare il cuore dell’uomo. Solamente colui che può dare un amore infinito, cioè Dio, può colmare il bisogno di amore che è profondamente radicato nel cuore di ogni persona. I single cattolici devono testimoniare questo a quelle persone che solo loro, data la posizione sociale che occupano, possono facilmente incontrare. I single cattolici devono essere profeti di una nuova cultura anche manifestando a tutti che essi non sono single per motivi egoistici ma per donarsi a Cristo in modo diverso.

Pierpaolo paolini

FacebookTwitterGoogle+

single cattolici, rapporto con Cristo e corteggiamento

single cattolicii single cattolici

I single cattolici hanno una posizione particolare nella Chiesa e nella società. Ogni stato di vita porta a ricoprire dei ruoli e delle posizioni peculiari sia a livello sociale che ecclesiale. Qui in questo articolo per single cattolici intendiamo coloro che non sono sposati, non hanno fatto una scelta religiosa e non hanno il sacerdozio ministeriale. I cattolici single hanno il sacerdozio comune dei fedeli in quanto sono stati battezzati ed inseriti come membra vive nel Corpo mistico di Cristo. Coloro che hanno formato una famiglia arrivano a Cristo attraverso la mediazione del coniuge mentre coloro che hanno scelto il sacerdozio ministeriale hanno un rapporto più diretto con Cristo: infatti i sacerdoti sono chiamati a celebrare l’Eucaristia e non possono sposarsi.

single cattolici e amicizia con Cristo

Anche i single cattolici devono avere un rapporto di amicizia con Cristo. I seguaci di Cristo che sono single, possono e devono arrivare a Gesù in modo diverso rispetto alle due categorie di persone di cui sopra, ma allo stesso modo sono chiamati a costruire la comunione nella Chiesa.

Il Corpo mistico di Cristo è formato dalle membra che formano il Corpo e dal Capo che è Cristo. Senza il Capo la Chiesa non può esistere.

Però Cristo ha voluto una Chiesa formata da fratelli che fossero in comunione fra di loro e con lui. I single cattolici si collocano nel cuore della Chiesa di Cristo e possono incontrarlo principalmente in due modi: nell’Eucaristia e costruendo profonde relazioni interpersonali con le altre membra del Corpo mistico di Cristo.

Ovviamente i single cristiani cattolici se non sono in comunione con Dio non potranno costruire la comunione con i fratelli. La comunione con Dio e con le altre membra del Corpo mistico in realtà devono essere realizzate nello stesso tempo perché sono interdipendenti. I cattolici che sono single non possono amare Dio e non costruire la comunione nella Chiesa oppure realizzare profonde relazioni interpersonali nella Chiesa senza essere amici di Cristo. Le due cose non possono essere staccate perché si creerebbe una contraddizione.

I single cattolici devono partire da Cristo e dall’Eucaristia dove egli è realmente presente per essere veri amici di Cristo e per amarlo sempre di più.

single cattolici e comunione

Se ameranno veramente Cristo potranno anche incontrare le altre membra del Corpo mistico testimoniando la loro esperienza di Cristo: così si costruisce la comunione nella Chiesa. D’altra parte, i single cristiani che ameranno veramente i fratelli testimoniando la loro esperienza di Cristo, non potranno non essere amici di Dio e di conseguenza lo incontreranno nell’Eucaristia dove egli è realmente presente.

I single cattolici, dunque, sono chiamati ad avere un rapporto di vera amicizia con Cristo e a costruire la comunione nella Chiesa testimoniando la bellezza del loro incontro con Cristo. Infatti la vocazione fondamentale dei single cattolici è quella di amare.

Per amare, i single seguaci di Cristo devono diventare sempre di più amici di Gesù e costruire profonde e vere relazioni interpersonali con i fratelli.

La comunione nella Chiesa non nasce dall’annuncio del vangelo fatto da una cattedra. Sicuramente anche tale tipo di insegnamento è necessario, però essere cristiani non vuol dire seguire una dottrina ma seguire Cristo risorto e vivente. I cattolici single realizzeranno la loro vocazione nella misura in cui sapranno costruire la comunione nella Chiesa: infatti non sono tali per rimanere da soli. Essi infatti devono immergersi sempre di più nella comunità ecclesiale per realizzare la loro vocazione. Solo in questo modo potranno realizzarsi e sentirsi sempre più soddisfatti e appagati.

cattolici single e società moderna

Abbiamo detto che i single cattolici devono costruire la comunione nella Chiesa. Essi, inoltre, devono portare nella società moderna la bellezza del vangelo di Cristo. I single cattolici, sia nella Chiesa che nella società per realizzare tutto questo sono chiamati a conoscere nuove persone nel senso biblico del termine.

Infatti nella cultura biblica “conoscere” è un’attività che coinvolge tutta la persona non solo a livello intellettivo ma anche esperienziale. Conoscere, vuol dire costruire la comunione con la persona incontrata. I single cattolici sono chiamati a fare tutto questo  per realizzare profondi legami con gli altri sia a livello ecclesiale che a livello sociale.

Solo questa è la via per formare legami veri e duraturi fondati sull’amore e sul rispetto reciproco. Anche la ricerca dell’anima gemella deve passare per questa via, la via della condivisione. Non è possibile, infatti, capire se una persona è quella “giusta”senza costruire una vera comunione con essa.

I single di fede cristiana cattolica, conoscendo nel senso biblico del termine ( cioè in modo profondo e non superficiale ), realizzeranno profondi e soddisfacenti legami umani  nella Chiesa e nella società costruendo la comunione sia a livello ecclesiale che sociale.

Infatti l’essere single non deve portare al’isolamento ma ad avere ancora più rapporti umani anche per compensare in un certo senso la mancanza ( magari temporanea ) di una famiglia. I single cattolici conoscendo le persone profondamente e realizzando legami profondi si metteranno automaticamente alla sequela di Gesù.

Single cattolici, sequela e società “liquida”

Gesù nella sua missione terrena ha stabilito legami umani molto profondi e non superficiali con le persone che incontrava. Egli si interessava sempre e concretamente dei problemi altrui e non disdegnava di coinvolgere la propria persona per aiutare le persone in difficoltà che incontrava.

I single cattolici oggi, però, sono immersi in una società dove è difficile “conoscere” nel senso biblico e forte del termine. Infatti, come afferma anche Bauman ( grande sociologo polacco contemporaneo ) siamo passati dalla modernità “solida”alla modernità “liquida”. Oggi tutto è “liquido,”  poco strutturato rispetto al passato. Tutto è più effimero e fugace, anche i rapporti umani. 

Siamo nella società dell’effimero dove anche i rapporti umani non sono più duraturi come un tempo bensì magmatici ed instabili. L’individuo si sente più solo e diventa più egoista. C’è la tendenza a vedere gli altri come nemici da cui guardarsi.

La solidarietà è minata dalla società “liquida”dove quello che conta è il presente e il consumismo. La dimensione temporale più importante infatti è il presente cioè il carpe diem. Il passato e il futuro perdono sempre di più la loro importanza e il presente viene sopravvalutato. Il presente come talento ed opportunità per costruire il futuro lasciano spazio all’attimo che deve essere colto altrimenti fugge e non torna più.

Anche i rapporti umani sono considerati spesso alla stregua di prodotti da consumare. I single cattolici devono reagire a questo stato di cose. I cattolici tutti, e anche quelli che sono ancora single, devono mettersi ogni giorno alla sequela di Cristo e lavorare per costruire la comunione nella Chiesa e nella società. I single cattolici, così facendo, costruiranno una società più coesa e più umana dove ogni persona deve essere al centro e trovare tutta l’attenzione che deriva dalla sua infinita dignità.

single cattolici e combattimento spirituale

La Chiesa è una mistica società che è costituita dai seguaci di Cristo. Il Capo della Chiesa è Cristo stesso che la nutre con la sua grazia. I single cattolici, come già detto, si inseriscono in questo mistico corpo che è la Chiesa alla quale appartengono.

I cattolici single, lo sappiamo, occupano un posto particolare nella Chiesa e nella società e costituiscono una risorsa molto importante e preziosa. Essi, però, devono sempre essere uniti a Cristo per portare frutto. Non tutti i single cattolici occupano lo stesso posto nella Chiesa, di conseguenza anche le tentazioni possono cambiare e non essere sempre le stesse. I single di fede cristiana cattolica devono affrontare un combattimento spirituale quando arrivano quelle tentazioni che li vogliono distogliere dal cammino verso la felicità. La preghiera è fondamentale per vincere e progredire spiritualmente.

single cattolici e preghiera

Ogni single cattolico deve fare un cammino spirituale diverso in ordine al posto che occupa nella Chiesa e nella società. Tutti i cattolici che sono single però devono curare molto la preghiera e la vita di comunità. Infatti la preghiera è fondamentale per il progresso spirituale e una tentazione subdola che può facilmente arrivare è quella di isolarsi spiritualmente. La preghiera è come il respiro dell’anima.

Non deve mai mancare nella vita dei single cattolici. Dalla preghiera essi possono trarre la forza e la luce per fare le scelte importanti di ogni giorno ed essere così condotti docilmente dove Dio vuole.

Tutti i seguaci di Cristo e anche coloro che sono single, devono tenere presente che la forma di preghiera più importante è la Santa Messa. Infatti essa è il memoriale della passione, morte e risurrezione di Gesù. Memoriale non significa “memoria” ma vuol dire che ciò che viene celebrato accade ( anche se in modo incruento ) in quel preciso momento perché viene reso attuale.

Pensiamo a quale grande cosa è la Santa Messa: vuol dire essere accanto a lui mentre soffre, muore e risorge. Vuol dire unirsi a lui, entrare in comunione con lui e con tutti i fratelli. Vuol dire offrire Gesù al Padre e offrirsi con lui. I single cattolici devono essere in comunione con Cristo. La Santa Eucaristia è la via principale per costruire la comunione con Gesù e con gli altri fratelli, soprattutto con coloro che partecipano con noi all’Eucaristia. Non può esserci preghiera più alta e potente.

I single cattolici devono tenere ben presente tutto questo se vogliono costruire la comunione nella Chiesa e realizzarsi secondo il cuore di Dio. Poi ci sono altre forme di preghiera che non devono essere mai trascurate.

La Sacra Scrittura andrebbe meditata ogni giorno. Essa è cibo vero per l’anima e consola lo spirito di coloro che vi si avvicinano. La Sacra Scrittura è Parola di Dio. Dio parla a coloro che aprono la Bibbia e meditano la sua parola. I single cattolici non devono trascurare questo essenziale ausilio che poi è un dono di Dio agli uomini.

Un’altra preghiera molto importante è il rosario. Il rosario è la preghiera mariana per eccellenza. Maria Santissima è la Madre di Dio ma è anche la mamma dei single cattolici. Essa è onnipotente per grazia. I single cattolici devono chiedere con grande fiducia le grazie a Maria Santissima sicuri di ottenerle se esse sono secondo il cuore di Dio. Il rosario non deve essere visto come una cosa ripetitiva. Infatti ogni “avemaria” deve essere un tenero atto di amore verso la mamma celeste. Un poco come quando due innamorati si dicono molte volte “ti amo.”

I single cattolici devono ricordarsi che Maria Santissima è la creatura che ha la dignità e la santità più alta nel Paradiso.  Esistono anche altre forme di preghiera. Però queste sono particolarmente importanti.

single cattolici e comunità

La tentazione all’isolamento spirituale può sempre presentarsi. I cattolici che sono single non devono cedere a tale nefasta e pericolosa tentazione. Infatti, nel disegno di Dio, dobbiamo camminare insieme verso la salvezza, non isolati. La Chiesa è una grande comunità formata da persone che si aggregano per affrontare meglio il combattimento della fede.

I single cattolici spesso vivono da soli e la vita frenetica non gli permette di fare molti incontri cattolici che favoriscano un serio progresso spirituale. Proprio per questo motivo, per seguire il disegno di Dio che vuole che i fratelli vivano insieme e si aiutino, i cattolici single devono avere una comunità ecclesiale di riferimento. La comunità è sempre un aiuto importante nel combattimento spirituale e permette ai single cattolici di realizzare meglio la loro vocazione che è, fondamentalmente, quella di amare.

Una comunità di appartenenza aiuterà i single cristiano cattolici ad essere fedeli all’appuntamento quotidiano con la preghiera che è fondamentale per il progresso spirituale. La scelta della comunità ecclesiale deve essere fatta con cura. Infatti esistono diverse realtà ecclesiali anche molto diverse fra di loro come i gruppi parrocchiali, le associazioni ecclesiali e i movimenti ecclesiali.

I single cattolici devono scegliere la comunità guardando soprattutto il tipo di spiritualità che essa propone. Ognuno deve scegliere quella comunità ecclesiale che più gli corrisponde, senza fare tanti calcoli matematici. Il cuore parla e fa sentire i suoi desideri e le sue necessità più profonde da colmare.

single cattolici, perseveranza, pazienza e coraggio

I single cattolici, una volta operata la scelta, devono fare un periodo di verifica prima di fare propria tale comunità. Una volta fatta la scelta definitiva, però, devono essere sempre fedeli e coerenti alla scelta fatta  senza lasciarsi spaventare né sviare dalle tentazioni ad abbandonare il cammino.

Infatti, i single cattolici, devono sempre tenere presente che nel cammino spirituale ci sono periodi di luce e di pace, e periodi pieni di tentazioni e di difficoltà spirituali. Una tentazione che può arrivare è quella dell’aridità nella preghiera.  Capita facilmente di iniziare con entusiasmo un cammino spirituale e di preghiera in un gruppo o comunità ecclesiale ma, dopo un po di tempo, il gusto provato nella preghiera svanisce e inizia una fastidiosa difficoltà a pregare.

In più possono nascere anche difficoltà con qualche membro del gruppo o della comunità. Prima era tutto facile e ora le cose si complicano e diventano difficili. I single cattolici non devono cedere. Non devono fuggire. Essi devono rimanere fedeli alla scelta fatta combattendo la buona battaglia della fede. Infatti senza lotta non ci può essere la vittoria, e senza la vittoria non ci può essere il premio.

Questo è il momento propizio per combattere e crescere nelle virtù: senza lotta non è possibile aumentare e rafforzare gli habitus virtuosi. I single cattolici che si trovano nel combattimento spirituale più aspro e duro devono unirsi a Cristo sempre di più accostandosi al sacramento dell’Eucaristia anche ogni giorno. Non devono cadere nella trappola della paura e dello scoraggiamento.

Sicuramente Dio non li ha dimenticati e presto la tempesta passerà e anche la pace e la serenità ritorneranno. Questo è il momento in cui i single cattolici devono allearsi più che mai con la virtù della pazienza e con la virtù del coraggio. La pazienza e la perseveranza per non cedere mai nella lotta. Il coraggio per continuare ad andare avanti con equilibrio e con forza senza cedere alla paura. I single cattolici devono rivolgersi anche a Maria Santissima. Lei è la loro madre e non li abbandonerà fino a quando non li vedrà felici, sereni e salvi fuori dalla tempesta.

single cattolici e tecniche di corteggiamento

I single cattolici che frequentano i siti di incontro molto spesso sono interessati a trovare l’anima gemella per iniziare un rapporto di coppia. Nei siti di incontro cattolici è molto facile per i cattolici single trovare persone come loro che cercano l’anima gemella. Proprio per questo tali siti sono importanti soprattutto nella società di oggi dove internet è sempre più diffuso.

Detto questo, i single cristiano cattolici devono avere una certa conoscenza delle tecniche di approccio e corteggiamento su internet e al di fuori del web. Infatti da un incontro può iniziare una relazione bellissima che sfocia nella formazione di una famiglia.

Tutto parte da un incontro che, di conseguenza, è un’ opportunità che non va assolutamente sprecata. Il corteggiamento non ha sempre delle regole fisse e rigide. Infatti il comportamento da assumere dipende anche da chi incontriamo. Questa è la prima regola.

Bisogna avere un buon intuito per capire cosa desidera la persona che abbiamo incontrato e cercare di accondiscenderla. Infatti la gentilezza è una qualità che entrambi, sia l’uomo che la donna, devono avere per fare colpo sull’altro/a.

Anche sul web i single cattolici che si sono appena incontrati dovranno cercare di evitare domande che possono rivelarsi imbarazzanti come, per esempio, chiedere l’appartenenza o no ad un particolare partito politico. Questa è una domanda troppo profonda ed intima e all’inizio non deve essere fatta. Ci vuole sempre delicatezza. Poi, ovviamente, se il rapporto va avanti verranno affrontati tutti gli argomenti utili e necessari per conoscersi bene.

I single cattolici che prendono l’iniziativa, almeno sul web, crediamo che appartengano sia al sesso maschile che a quello femminile. Però, anche nei siti per single cattolici, molte volte può capitare che le donne preferiscano attirare l’uomo con un annuncio ben fatto anziché scrivergli direttamente.

Inoltre bisogna sempre evitare l’eccessiva insistenza: questo vale sul web ma anche al di fuori di esso. Facciamo capire le nostre intenzioni ma senza insistere in modo fastidioso. Ogni persona deve essere libera di fare le proprie scelte.

L’incontro online non può bastare. Esso è fondamentale affinché i due single cattolici facciano una iniziale conoscenza reciproca, però se essi vogliono approfondire il rapporto devono incontrarsi anche fuori dal web.

Il primo incontro dovrebbe essere molto semplice. Ci si può incontrare in un bar oppure in un bel parco per fare una passeggiata insieme e parlare un po per conoscersi meglio. L’abbigliamento è importante. Bisogna vestirsi in modo naturale senza forzature rispettando la propria personalità. Ovviamente l’abbigliamento deve adattarsi anche al luogo di incontro. Può esserci un “colpo di fulmine.”I single cattolici che si incontrano per la prima volta possono sentire fin dall’inizio un’ attrazione reciproca molto forte. Essi sentono subito un feeling molto profondo che li spinge a vedersi nuovamente. Non sempre è così. Spesso il “colpo di fulmine” non c’è ma nel tempo si può formare ugualmente una coppia molto affiatata.

Il secondo incontro dovrebbe avvenire, per esempio, in un bel ristorante. A nostro parere, nonostante il fatto che la donna di oggi sia molto più moderna e aperta rispetto a qualche tempo fa, deve essere sempre l’uomo a prendere l’iniziativa e ad invitare la donna. Poi se il rapporto va avanti le cose diventeranno meno formali e più semplici ma, all’inizio, questa è una regola che i single cattolici maschi dovrebbero seguire.

Il pranzo o la cena deve essere accompagnato da una conversazione vivace, non “morta”. Non ci dovrebbero essere molti momenti di silenzio. L’uomo deve cercare di fare ridere la donna. Questo è molto importante. Comunque anche le donne devono impegnarsi a condurre una conversazione brillante e a creare un certo feeling. Tutti, comunque, dovranno comportarsi in modo naturale: anche questo è importante.

la dilatazione delle pupille degli occhi è un segnale di interesse

Durante la conversazione è bene tenere d’occhio la pupilla degli occhi del nostro interlocutore. Infatti alcuni studi affermano che quando una persona è interessata a noi ha le pupille degli occhi dilatate. Questi studi dicono come, per esempio, le pupille degli occhi delle donne siano particolarmente dilatate quando osservano un bambino. Ovviamente bisogna sempre stare attenti. Infatti le pupille si possono dilatare anche per la scarsezza di luce o per altri motivi. Comunque è un segnale che ha la sua importanza nel corteggiamento.

Detto questo, se tutto va bene, ci potrà essere spazio per un terzo incontro e così via fino alla formazione di una coppia affiatata di persone che si vogliono bene. Altrimenti i due single cattolici non avranno perso tempo perché avranno conosciuto una nuova persona spendendo bene il loro tempo.

Pierpaolo Paolini ( Amicizie Cattoliche )

FacebookTwitterGoogle+