single cattolici su internet, amicizie online e testimonianza

single cattolici su internet

L’attuale sistema sociale in cui siamo immersi muta velocemente a causa di molti fattori fra cui possiamo trovare le nuove tecnologie come internet. Il web è un’ambiente in cui le persone si possono incontrare, scambiare messaggi e influenzarsi a vicenda. Spesso si parla di mondo “virtuale” quasi come se quello che accade sul web non fosse reale. Certamente non è un mondo “fisico” ma le cose che vengono fatte dalle persone sul web sono estremamente reali e influenzano anche tutto il resto della società. Ormai sono come due mondi paralleli ma che si influenzano vicendevolmente. Come ho scritto in altri articoli, penso che il web e il mondo “reale” siano ormai due dimensioni di una stessa realtà: la società in cui viviamo. I single cattolici su internet sono sempre di più. Essi del resto sono immersi in questa società e fanno bene ad utilizzare nuove tecnologie per comunicare. Il web, però, è uno specchio della società “reale”. I single cattolici su internet trovano nel web gli stessi problemi che trovano al di fuori della “rete”.

single cattolici su internet, amicizie online, egoismo

Prima di tutto i single cattolici su internet trovano un ambiente spesso secolarizzato dove non c’è la giusta attenzione ai loro problemi e alla loro condizione sociale. I single cattolici su internet vanno alla ricerca di notizie ed informazioni fresche ed originali, come molti altri. Però, essi, vanno anche alla ricerca di nuove amicizie online e dell’anima gemella. I single cattolici su internet spesso trovano un ambiente virtuale che non è interessato alla costruzione di rapporti interpersonali stabili e duraturi. Del resto, come abbiamo detto sopra, il web è uno specchio della società. Anche i single cattolici su internet si devono scontrare con una realtà dove i rapporti interpersonali sono spesso considerati alla stregua di prodotti da consumare perché quello che conta è il carpe diem, cioè godere l’attimo che fugge il più intensamente possibile poiché non tornerà più. Ma una concezione del genere non permette di costruire veri e duraturi rapporti interpersonali basati sull’amore e non sull’egoismo. I single cattolici non devono scoraggiarsi e anche sul web devono portare la loro testimonianza di persone che non si arrendono a questa mentalità consumistica.

single cattolici su internet per una nuova cultura

I single cattolici su internet devono portare nel web un nuovo modo di relazionarsi con gli altri. I single cattolici su internet devono portare una nuova cultura e un nuovo modo di costruire le relazioni interpersonali. Ovviamente tutti i cattolici devono fare questo. Ma i single cattolici su internet hanno una posizione privilegiata in quanto sono più di altri alla ricerca di amicizie online ( anche per trovare l’anima gemella ). Ovviamente il tipo di comunicazione che viene realizzata sul web è diversa da quella che può esserci in un luogo fisico. Però anche sul web i comportamenti devono essere sottolineati dalla fede e dalla carità. Anche su internet le virtù sono necessarie. Infatti i contatti con le altre persone avvengono realmente e i messaggi inviati hanno un loro impatto sull’interlocutore. I single cattolici su internet devono cercare di portare con il dialogo il messaggio cristiano a tutti coloro che incontrano online. Questo può essere fatto prima di tutto con un comportamento corretto che lascia trasparire chiaramente che le persone incontrate sul web vengono considerate come portatrici di una dignità infinità. Questo comportamento, in modo pacifico, va contro la mentalità consumistica e del carpe diem portando un nuovo modello di relazioni interpersonali più attento nei confronti delle persone incontrate. Gesù ha bisogno delle membra della Chiesa anche sul web. I single cattolici che navigano su internet possono aiutare Gesù da una posizione privilegiata. In questo modo sarà possibile fare nuove amicizie online diverse e trovare meglio quella persona con cui poter iniziare finalmente un cammino di coppia teso alla formazione di una famiglia.

Pierpaolo Paolini

FacebookTwitterGoogle+