società, consumismo, edonismo e relazioni

società odierna, consumismo, edonismo e relazioni

Oggi noi tutti viviamo immersi in un una società dove il clima è cambiato. Infatti la società occidentale attuale è immersa in una nebbia formata dall’edonismo e dal consumismo che non permettono a molte persone di vedere la bellezza delle relazioni autentiche.

Noi denunciamo la mentalità consumistica ed edonistica che “annebbia” la mente di molte persone perché va a nascondere la bellezza delle relazioni più vere che deriva dalla dignità che ogni persona possiede.

Il cuore delle persone non può essere riempito dalle cose materiali e dai piaceri. Infatti ogni persona ha una dimensione spirituale che vuole essere presa in considerazione.

L’atmosfera culturale in cui siamo immersi porta a considerare ( mentalità consumistica ) anche le relazioni interpersonali alla stregua di prodotti da consumare. Molte persone cambiano partner così, come se fosse un “oggetto” di piacere per divertirsi per un po di tempo.

Invece le persone non sono e non possono essere oggetti di piacere: ogni persona è dotata di una dignità infinita alla quale non può rinunciare. Infatti tale dignità fa parte della natura della persona che deve sempre essere rispettata.

L’edonismo imperante, che pone il piacere a fine morale dell’azione, da una mano alla mentalità consumistica costruendo una vera e propria alleanza tesa, di fatto, a svilire la bellezza della persona e la sua infinita dignità.

Non può essere così. Se i single vogliono costruire una vita relazionale felice non possono “usare” le persone e nemmeno mettere il piacere al primo posto.

Ricordiamo ancora una volta che il cuore ha sete di amore vero e desidera affetto sincero.

Il cuore non si accontenta con le avventure perché è stato creato per “volare” in alto, al di sopra di ogni bassezza. Il cuore cerca una persona da amare e di cui si può fidare. Il cuore non si accontenta di ciò che finisce perché è stato creato per l’Infinito.

Pierpaolo Paolini ( Amicizie Cattoliche )

FacebookTwitterGoogle+